Genova Pegli

010 61731

Genova Campi

010 0980300

Albisola Superiore

019 400571

Arquata Scrivia

0143 381566

Lavagna

0185 59031

Savignone

010 9360195

Ovada

0143 80811

Numero verde, solo per appuntamenti

800 846 645

HOME > AZIENDA > SPONSOR

Sponsor

Sci Club Sestriere

www.sciclubsestriere.it

Risale al 1931 la data di fondazione dello Sci Club Sestriere; l'iniziativa parte da alcuni pionieri dello sci piemontese - il giudice Rivera, il signor Roncarolo e il giornalista Guido Tonella - che frequentavano il centro sciistico nato dalla volontà del senatore Giovanni Agnelli. L'anno successivo quando, come per incanto, a 2000 metri di altitudine, iniziano a spuntare le torri degli alberghi Duca d'Aosta e la Torre (futuro simbolo della stazione) e le prime funivie trasportano gli sciatori sulle pendici del Sises e della Banchetta, viene chiamato a dirigere l'attività sportiva di Sestriere Hans Noebl, il grande campione austriaco soprannominato "l'arcangelo delle nevi" per il suo stile elegante. Lo scopo è di costituire una scuola di sci che divulghi le tecniche moderne, oltre a formare nuovi discesisti, addestrando i giovani valligiani. Nasce così la "Scuderia Edoardo Agnelli".

Lo Sci Club Sestriere non si limita alla pura e semplice formazione di atleti ma svolge una grande funzione organizzativa, promuovendo una serie di manifestazioni a livello internazionale. Il fior fiore del discesismo internazionale giunge sul Colle per dare vita a sfide mondiali, dalla "Coppa del Re" che in seguito diventa, la "Coppa Tre Funivie" - alla "Coppa Borletti, al mitico trofeo Arlberg Kandahar, la gara di maggior prestigio fino all'avvento della Coppa del Mondo. La guerra interrompe l'attività agonistica e alcuni rappresentanti dello Sci Club entrano a far parte della Scuderia Militare Alpina.

Tra i primi presidenti dello Sci Club spicca il nome del compianto ingegnere Giovanni Nasi, uomo di economia con una grande passione per la montagna (è stato per 33 anni sindaco di Sestriere e presidente della Fisi nell'immediato dopoguerra).